FLASH NEWS

Bioarchitettura - La Rivista, che la un ventennio parla di architettura ecologica.

è disponibile ora anche l'abbonamento digitale alla rivista Bioarchitettura a soli 19,90€ (comprende 6 numeri) - vai alla pagina dedicata!

ABBONATI ALLA  RIVISTA BIOARCHITETTURA®, CHE DAL 1992 SI OCCUPA DI ARCHITETTURA ECO-SOSTENIBILE e BIO-COMPATIBILE

 

 

FOTO-GALLERY - MOSTRA BIOARCHITETTURA® in TOUR

 

Home

News

Il costo di un prodotto… da scarto.

L'apparato amministrativo di una regione centro-meridionale ha favorito "in larga parte interessi sostanzialmente illeciti". E' quanto si legge nella relazione sulle illegali, disdicevoli azioni connesse al ciclo dei rifiuti in un territorio così naturalmente suggestivo, quanto per cause antropologiche, disastrato. Una Commissione d'inchiesta, sugli illeciti collegati al ciclo e riciclo dei rifiuti, ha rilevato che gli interessi coinvolti nelle valutazioni ambientali sono stati, svuotati dall'interno, divenendo così delle semplici figure prive di resistenza, comode e funzionali a rendere fattibile, come una specie di cavallo di Troia, l'intromissione di tutta quella congerie d’interessi meramente economici e di tornaconto, fortemente collegati a contesti criminali.

Il sistema, organizzato e programmato per far funzionare una macchina capace di produrre corruttela e ingiustizia sociale, che era destinato allo smaltimento dei rifiuti, oggi, non è soltanto un problema regionale, se mai davvero lo è stato, ma è una questione della intera nazione e l'Italia, risulta esposta a sanzioni pesanti da parte dell'Unione Europea, che pare abbia già avviato le occorrenti procedure di infrazione per violazione delle norme comunitarie.

Non solo, la vicenda al riguardo delle eco-balle, costituite da milioni di tonnellate di rifiuti ammucchiati in siti di stoccaggio che avrebbero dovuto essere transitori ma che invece sono stati trasformarsi in discariche a cielo aperto, è rappresentativa della dimensione dell’accaduto relativo alla insolvente gestione dello smaltimento dei rifiuti nella regione.
E non a caso si scrive e si legga d’insolvenza, perché a conti fatti, le fantomatiche società, scevre di nomi e cognomi da conclamare al pubblico ludibrio, che garantiscono adeguata copertura e tutela di bande di mascalzoni malviventi, ci rubano, ci depredano e, per il tramite dei loro errori puzzolenti, ingigantiscono l'inquinamento, generano manomissioni enormi sull’intero territorio, deprimono e demoralizzano le generazioni presenti nonché quelle future, fatalmente già seriamente compromesse.
Le società che operano e che influenzano il settore indagato, apparentemente e superficialmente - per chi non vuole approfondire -, sono munite di tutte le autorizzazioni
rese necessarie e sono gestite da soggetti che, sempre formalmente, non sono legati alla criminalità organizzata, ma nella sostanza...Quindi, la realtà delle indagini compiute ha dimostrato come e quanto malaffare sia insinuato dappertutto, ai vari livelli e che denota una sostanziale criticità del sistema.

Ci sono diverse maniere per definire ciò sin qui narrato, ma che comunque potrebbe anche considerarsi quale: concorrenza sleale soprattutto quando le strutture imprenditoriali sono destinate già, sin dall'origine, ad operare in maniera illecita e sconveniente, per noi, ovviamente.

A.Mastronardi

Riproduzione riservata ©ECOFFICINA

Il cambiamento come risultato di un PROCESSO.
Cambiamenti, giusti.

Gli accadimenti che generano il cambiamento non si possono semplicemente definire a tavolino, ma piaccia o no,
sono talmente tanti che sfuggono al controllo, alla gestione e condurli a buon fine, non è di semplice determinazione
soprattutto quando molteplici sono i punti di vista e non si guarda sempre tutti verso la medesima direzione.

Saper offrire ed esporre una risposta avanzata, nel momento della richiesta, è frutto di complessi stimoli provenienti
dall’esterno ma che attivano i nostri gangli che si armonizzano per produrre, congegnare, e porre delle sfide perennemente
più audaci anche per chi le propone.

Al fianco di ciascun privato, è necessario un impegno pubblico, perché ogni opera, per quanto riservata e degna di
r
imanere personale, ricade sempre e comunque in un ambito più vasto e dentro una sfera che potrebbe ledere anche
lievemente la libertà individuale. Perché se è così vero che le antenne telefoniche, elettriche paraboliche ed iperboliche
inquinano, nessun ripetitore dovrebbe poter essere installato a vicinanza d’uomo. La correlata “a misura d’ingegno”,
avviene anche per la dissuasione ecologica, per la persuasione distruttiva, demolitrice e dominatrice umana, pregna
di idee progettuali trasformanti che occupano un suolo non più verde, non più vero, non più vivo.

Nuove competenze, nuove strutture, nuovi processi, per meglio esibire le risposte corrette.

Attraverso l’informazione/informatica, lo stile di lavoro comunicativo e persuasivo, affronta con immediatezza ed in
maniera diretta ogni conversazione, qualsivoglia esigenza.

Come le relazioni possono favorire e generare il cambiamento, così dalla rivoluzione può germogliare l’evoluzione e,
nel cambiamento, il concetto di valore aggiunto non può essere in alcun caso ritenuto secondario, né considerato
marginale perché l’attività/responsabilità di un professionista, nell’ambito della sua prestazione professionale, deve
poter significare anche condivisione del rischio e co-imprenditorialità.

La competizione per il raggiungimento delle migliori posizioni è un processo in continua chiave di lettura rapportabile
al contesto, al mutamento e all’adattamento.

di A.Mastronardi

Riproduzione riservata ©ECOFFICINA

Bioarchitettura in Tour a Sanremo

Grande successo, confermato ad ogni tappa, della mostra itinerante

BIOARCHITETTURA® IN TOUR
che celebra i vent'anni della rivista che dal 1992 informa sull'architettura ecosostenibile e biocompatibile. Il prossimo importante appuntamento sarà a SANREMO, dal 3 al 10 novembre con
INCONTRO DI BIOARCHITETTURA
Costruire bene per vivere meglio

Sabato 3 novembre 2012, ore 16.00
SANREMO, TEATRO ARISTON, SALA ROOF n.3
INTERVERRANNO
Wittfrida Mitterer, Direttore Resp. Rivista Bioarchitettura®, Presidente Fondazione It. Bioarchitettura®
Paola Muratorio, Presidente nazionale INARCASSA
Giuseppe Panebianco, Presidente Ordine Arch. P.P.C. della provincia di Imperia
Elio Marchese, Comitato scientifico Rivista Bioarchitettura®
Milena Preziuso, Delegata Liguria, Fondazione It. Bioarchitettura®

A seguire, presso il Centro Ariston di Sanremo, Sala Esposizione, si terrà l'inaugurazione della mostra
BIOARCHITETTURA® IN TOUR
Un viaggio lungo vent'anni
La Mostra sarà arricchita da una sezione dedicata all'esposizione di alcuni articoli apparsi sulla rivista, dedicati alla Provincia di Imperia o scritti da tecnici locali.
Con ingresso libero, l'esposizione continuerà fino a sabato 10 novembre con orario 15.30-19.30

Evento organizzato da Bioarchitettura®
L'inaugurazione della Mostra itinerante con start up a Roma l'11 aprile è stata insignita della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione del ventennale di attività della rivista.

con il patrocinio di:
Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare
Consiglio Nazionale degli Architetti
Consiglio Nazionale degli Ingegneri
Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Imperia
Università LUMSA
Inarcassa
In/Arch
Greenaccord

con il sostegno di:
Edilarcawww.edilarca.it
Enel www.enel.it
Keim Farbenwww.keim.it
Legno Finestra Italiawww.legnofinestraitalia.it
Röfixwww.roefix.com
Celenitwww.celenit.com
Abakus Solar Italiawww.abakus-solar.it
Vimarwww.vimar.it
Saboxwww.sabox.it
Formedilwww.formedil.it
Un sentito ringraziamento al Centro Ariston, nella persona di Walter Vacchino

 

Altri articoli...

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più visitare il link privacy policy.

Accetto i cookie.

EU Cookie Directive Module Information